Guatemala: Progetto scuola e alimentazione

In un villaggio del Guatemala dove mancava tutto – acqua, luce, salute, strade, servizi igienici – abbiamo cominciato, nel 2001, con la scuola. Abbiamo scelto di seguire la via dell’istruzione perché i bambini del villaggio, come quelli di tutta la regione dove siamo presenti, sono impegnati in un lavoro violento, schiavo e pericoloso: la costruzione dei petardi e dei fuochi d’artificio. Guarda le Foto – Guarda il Video.

I bambini infatti, con le loro piccole mani, sono ideali per poter assemblare quelle che in gergo si chiamano “mitragliatrici”.

È un lavoro alienante e pericoloso, che costringe i bambini a 12/14 ore di fila chini su tavoli di legno a lavorare con la polvere da sparo. Sono esposti continuamente al rischio di esplosioni e ustioni, a volte anche mortali.

Il progetto scuola e alimentazione in sintesi

  • Borse di studio per permettere ai bambini schiavi di abbandonare il lavoro e iscriversi a scuola.
  • Sostegno ai ragazzi che vogliono specializzarsi anche dopo la scuola dell’obbligo e imparare un mestiere.
  • Diritto a un’alimentazione sicura: due pasti completi ed equilibrati al giorno (colazione e pranzo) per i nostri bambini.
  • Educazione, promozione e diffusione della lingua maya: la nostra è una scuola bilingue in cui si insegna in spagnolo e in Kaqchiquel (una delle 22 lingue indigene del Guatemala).
  • Monitoraggio periodico dello stato di salute dei bambini e programmi di educazione all’igiene.

Guarda le foto

Guarda le FOTO di questo progetto

Come aiutare

Progetto scuola e alimentazione

Con un sostegno a distanza di 30 euro al mese, oppure con una donazione occasionale. La tua donazione ti dà diritto a benefici fiscali (è detraibile).

Inoltre, ricorda che puoi sostenerci senza spendere nulla, donando il 5×1000 dell’Imposta sui redditi (tramite 730, UNICO e CUD).

Un po’ di storia…

I primi bambini a venire a scuola, nel 2001, sono stati solo 22; abbiamo assunto un maestro locale e la nostra  prima scuola fu una capanna con assi di legno e lamine.

Eravamo emozionati e contenti, ed era solo l’inizio!

scuolaNel 2002 abbiamo inaugurato la prima aula di mattoni, i bambini questa volta sono aumentati di molto, fino ad arrivare a 50.

L’anno seguente aggiungiamo all’aula un ambulatorio medico per poter monitorare lo stato di salute dei bambini: molti di loro soffrono di forme gravi di malnutrizione e hanno bisogno urgente di medicine, vitamine e cure mediche.

Lo stesso anno avviene una piccola rivoluzione al villaggio La Granadilla: costruiamo una mensa scolastica e coinvolgiamo le mamme del villaggio nel cucinare a turno per tutti i bimbi presenti. Questa nuova abitudine dà una spinta vitale al nostro progetto, aumenta la fiducia della popolazione e sono sempre di più i bambini che si iscrivono alla nostra scuola per poter studiare, essere curati e…mangiare.

Nel 2005 otteniamo il riconoscimento come scuola pubblica da parte del Ministero dell’Istruzione Guatemalteco: i bambini sono diventati più di 100.

Nel 2012 abbiamo avuto la soddisfazione di vedere diplomati i primi ragazzi che hanno cominciato a studiare con noi…e molti stanno già lavorando: si tratta di un lavoro vero, non un lavoro schiavo.

Oggi la scuola ospita circa 300 bambini.

Per saperne di più

Scarica il notiziario dedicato a questo progetto

 

WordPress Video Lightbox